Category Archives: Uncategorized

  • 0

VOCI DALLA SUPERFICIE

Category:Cosa c'è di nuovo

VOCI DALLA SUPERFICIE 

Bozzetto d’arti per

“EPITOME” di ARMANDA VERDIRAME

di e con

SILVIA COLOMBINI 

soprano d’arti  

Giovedì 16 novembre ore 18.00

Galleria Scoglio di Quarto

Via Scoglio di Quarto, 4, Milano

 

Silvia Colombini è artista di fama internazionale che ha rivoluzionato la figura classica del soprano d’opera, ideando una nuova forma di teatro musica – chiamata “bozzetto d’arti” – che unisce l’arte performativa, canto e recitazione, all’arte figurativa.

L’artista canta in 15 lingue ed esegue un ampio repertorio dall’opera lirica fino al cross-over.

Il bozzetto “Voci dalla superficie” dà letteralmente voce ad alcune opere della Verderame; Colombini fa idealmente germogliare il canto dai semi di cui le opere materiche sono cosparse: il canto giapponese Tsubasa wo Kudasai (Dammi le ali) accompagnerà le terre dei Libri e delle Ciotole Raku. Il brano è un inno alla ricerca della felicità (ali per volare via dai problemi e dalle preoccupazioni della vita) e richiama dunque il significato della parola giapponese Raku (serenità, gioia di vivere). Ma non solo. Il brano crea un’immagine ideale che ci mostra il libro stesso come una paio di ali dispiegate alla conoscenza e quindi alla libertà.

Non mancheranno i riferimenti alla cultura classica, per le Lune e per gli Scudi.

Per le prime, Colombini reciterà in metrica in greco antico il famoso Plenilunio di Saffo (Fr.4) e, senza soluzione di continuità, eseguirà uno dei canti più belli mai dedicati all’astro lucente: la canzone della luna di Dvořák, tratta dall’opera Rusalka.

Per gli Scudi, che con le loro crepe sono per la Verdirame allo stesso tempo simbolo di forza ma anche di caducità della vita, Colombini entra nella mitologia greca richiamando il mitico scudo di Achille. Il monologo richiama il disperato atto d’amore di Teti, madre di Achille, che fa forgiare per il figlio un nuovo scudo col quale egli vendicherà l’uccisione del compagno Patroclo. Ella è cosciente di fornire al figlio uno strumento di protezione che è però allo stesso tempo anche uno strumento di morte per l’avverarsi della profezia. Il testo rielabora l’omerico XVIII canto dell’Iliade, con la poesia del poema novecentesco The Shield of Achilles del britannico Wystan Hugh Auden.

Durata: circa 10 minuti

 

Silvia Colombini e Armanda Verdirame nel corso della serata

 


  • 0

ARMANDA VERDIRAME “EPITOME 1980-2023”

Category:Cosa c'è di nuovo,Uncategorized

Spazio d’Arte Scoglio di QuartoVia Scoglio di Quarto 4, Milano

7 novembre – 16 dicembre 2023 – Ingresso libero

Orari di apertura

Da martedì a venerdì dalle 17 alle 19

Negli altri orari e sabato e domenica solo su appuntamento

La mostra è curata da Gabriella Brembati

dal comunicato stampa:

Spazio d’Arte Scoglio di Quarto presenta dal 7 novembre al 16 dicembre la mostra

“Epitome 1980-2023” dedicata al percorso artistico degli ultimi quattro decenni della scultrice Armanda Verdirame: un compendio nei suoi contenuti essenziali, un’esemplificazione estetica di una poetica senza tempo, dove ogni singola opera è pervasa di profonde metafore e suggestioni simboliche.

…. L’opera principale intorno alla quale è stata pensata e costruita la mostra è Amnios T, un tavolo dalla forma ovale irregolare alto 90 cm. Sopra e sotto questo imponente elemento sono dislocate le creazioni più emblematiche della tensione artistica di Armanda Verdirame: scudi, colonne,stalagmiti, lune e spartiti in terracotta, oltre a cinque opere su carta disposte sulle pareti dello spazio espositivo.

 

Con testi critici di

Luciano Caramel, Luca Pietro Nicoletti, Evelina Schatz, Marco Tagliaferro, Lucia Mazzilli, Riccardo Barletta, Azzurra Immediato

 

scarica il comunicato in PDF

 

scarica il “giornale-catalogo” in PDF

 

 

un articolo dedicato alla mostra

 

Un’interessante intervista sul sito dell’agenzia giornalistica Askanews è stata riportata su diversi media. Tra essi sul sito di io donna

La terracotta come scultura: una mostra su Armanda Verdirame

 

 

Su Il Sole 24 ore

https://stream24.ilsole24ore.com/video/italia/la-terracotta-come-scultura-mostra-armanda-verdirame/AFtkE40B

 

altri due video sulla mostra “Armanda Verdirame EPITOME 1980-2023” curata da Gabriella Brembati per lo Spazio d’Arte Scoglio di Quarto 

 


  • 0

V Biennale Oggetto Libro

Category:Cosa c'è di nuovo

La mostra si terrà dall’11 al 30 ottobre 2023,
presso ADI Design Museum, Milano

Inaugurazione e premiazione Best Book 11 ottobre 2023, ore 18.00

A cura di Susanna Vallebona

Milano, Italia, dall’ 11 al 30 Ottobre 2023, l’ADI DESIGN MUSEUM di Milano ospita

la V Biennale “Oggetto Libro“.

La mostra internazionale vede la partecipazione di 140 autori provenienti da 20 diverse nazioni di 3 continenti. L’esposizione propone 170 opere tra libri d’artista, di design e ibridi.

OGGETTO LIBRO è l’occasione per riflettere su due mondi apparentemente lontani, quello del design e quello dell’arte, che trovano nella creatività la propria ragion d’essere.

I libri d’Artista rappresentano un esempio sorprendente di come un libro possa assumere le forme più inaspettate. Realizzati con tutti i materiali e le tecniche possibili, queste opere si configurano come veri e propri artefatti in forma di oggetto o di scultura.

dal comunicato stampa 

scarica il PDF

——————

Armanda Verdirame presenta un libro dal titolo “Brandelli”, ispirato al testo poetico di Amos Mattio. La Verdirame vuole mettere in evidenza le ferite e la fragilità umana, gli “strappi” di un vivere malato, le cicatrici indelebili che segnano e creano la nostra storia. Sulla copertina rigida è applicato un piccolo scudo in terracotta con semi.

 

 


  • 0

L’Enciclopedia delle donne

Category:Cosa c'è di nuovo

Armanda Verdirame è stata inclusa nell’Enciclopedia delle donne (www.enciclopediadelledonne.it), il sito che si propone di portare alla conoscenza di tutti nomi e cognome e storie di donne che hannno fatto e fanno la Storia. 

Come si legge sul sito  “… senza la storia delle donne – di tutte le donne – non si fa una bella Storia: si fanno degli schemi, delle approssimazioni, dei riassunti che non somigliano più a niente. E che fan danno…”

La pagina dedicata ad Armanda Verdirame è raggiunngibile da questo indirizzo:

www.enciclopediadelledonne.it/biografie/armanda-verdirame/